DOLO – Si è spento questa mattina il sindaco di Dolo Alberto Polo. Era stato rieletto pochi mesi fa. Incredulità in paese. || A Dolo la notizia ha colpito i cittadini come un fulmine a ciel sereno: il sindaco Alberto Polo si è spento nell’ospedale di Mirano, dove era stato condotto domenica sera per alcune complicazioni insorte a causa della malattia contro la quale combatteva da circa un anno e mezzo. Aveva 46 anni. «Se n’è andato con serenità, senza sofferenza, accompagnato dai suoi cari, presso la struttura sanitaria che si è presa cura di lui con umanità e professionalità, si legge nel comunicato del Comune. La giunta, prosegue, tutti i consiglieri comunali e il personale si stringono a Claudia, Adelaide e Gherardo». Increduli i cittadini perché sembrava che Polo avesse superato la malattia, tanto che si era ricandidato alle elezioni, che l’avevano riconfermato altri 5 anni.Uno dei temi su cui Polo si era impegnato nell’ultimo anno era quello dell’ospedale locale. L’ultima apparizione pubblica è stata in occasione degli auguri per l’anno nuovo, con un videomessaggio pubblicato sui social il 31 dicembre, mentre due giorni prima aveva presieduto il Consiglio comunale. Un messaggio di cordoglio è giunto dal Centro di documentazione e d’inchiesta sulla criminalità organizzata la cui nascita era stata incoraggiata da Polo. Vicinanza dal mondo politico dal sottosegretario Variati al sindaco Brugnaro, che ricordano la sua serietà, pacatezza e umiltà, strinendosi alla famiglia. “Se ne va un grande sindaco che ha saputo incarnare con responsabilità e dedizione il suo ruolo istituzionale. La perdita di Alberto lascerà un grande vuoto. Si legge nel comunicato del Presidente di Anci Veneto, Conte, insieme ai vicepresidenti Pavanello, Venturini e Bolis. (Servizio di Ilaria Marchiori)


videoid(CexgYLEUD3c)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria