VENEZIA – Essere stato dichiarato “Patrimonio dell’Umanità” Unesco è per l’Arte delle perle di vetro di Venezia solo un punto di partenza. Un volano per il rilancio di una straordinaria attività artigianale che ha 700 anni di storia. || L’Arte delle perle di vetro è patrimonio culturale immateriale dell’Umanità. Il prestigioso riconoscimento dell’Unesco premia una realtà artistica veneziana che si tramanda da secoli. Non solo un’eccellenza dell’artigianato locale ma anche un’attività con profonde radici sociali e culturali nella storia di Venezia. Il Comune ha sostenuto la candidatura dell’Arte delle perle di vetro a patrimonio dell’Unesco già dal 2017, una candidatura internazionale assieme alla Francia di cui l’Italia è capofila con Venezia, in un gioco di squadra che ha visto la presenza anche della Regione e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Assieme al Comitato per la Salvaguardia dell’Arte delle Perle di Vetro, promotore principale delle candidatura Unesco, il Comune di Venezia non intende fermarsi ma svilupperà assieme ad altri enti e istituzioni cittadine una nuova progettualità per l’intero settore. Il riconoscimento Unesco è solo un primo traguardo. – Intervistati ERMELINDA DAMIANO (PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE DI VENEZIA) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(dCzFp47ipoU)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria