TREVISO – L’allarme di Federmoda sui dati dello shopping natalizio, si aspetta la boccata d’ossigeno dei saldi. Intanto in centro gli ultimi giorni per gli acqusiti || Numeri neri, di un Natale in cui i negozianti hanno visto un drastico calo degli acquisti tra il 50 e il 70% la stima di Federmoda Treviso, che spera nella boccata d’ossigeno dei saldi che partiranno il 30 gennaio. L’incertezza del periodo – dice il presidente Federmoda treviso Guido Pomini – si somma al susseguirsi dei provvedimenti” e sottolinea la necessità che i commercianti vengano ristorati, anche in virtù di quei giorni di “zona arancione”, in cui – di fatto – gli acquisti saranno minimi. Intanto la gente in centro storico per le ultime compere prima del 24 in cui in tutta Italia scatterà la zona rossa. E con la zona rossa, è prevista anche l’intensificazione dei controlli da parte della Polizia Locale, che ha riscontrato – ha detto il Comandante trevigiano Andrea Gallo – in questo weekend di ordinanza-anti- assembramento il rispetto delle regole” al punto che i dati sui flussi in centro sono calati complessivamente di circa il 70% rispetto al weekend precedente. – Intervistati GUIDO POMINI (Pres. Federmoda Treviso), ANDREA GALLO (Comandante Polizia Locale Treviso) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(e631NO5ZW70)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria