TREVISO – Dall’ordinanza di Zaia a quella del sindaco Conte, i trevigiani sono pronti all’ulteriore giro di vite anche se non mancano distinguo. “I numeri sono drammatici, giusto intervenire”, dicono. (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(V9WBA-3efQk)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria