MARGHERA – L’aumento dei contagi e il numero delle terapie intensive e l’arrivo del Natale: il Presidente Zaia rompe gli indugi e annuncia l’ordinanza che sarà presentata domani anti- assembramenti, che in sostanza vieta l’uscita dal comune già da questo sabato e fino all’Epifania dalle 14. || Vietato uscire dal proprio Comune dalle 14 già a partire da sabato questo. Bar e ristoranti aperti sempre, negozi anche fino alle 21. Il nuovo fronte della battaglia al Covid è il distanziamento sociale che deve essere garantito il più possibile, anche diversificando gli accessi ai centri storici. Resterà deluso chi avrebbe voluto un Veneto già in zona rossa ma il Presidente chiarisce che il posizionamento di una Regione in una zona piuttosto che un’altra non è scelta arbitraria, ma data dai numeri. L’ordinanza è stata già condivisa con l’associazione dei comuni, in queste ore presentata al Ministro Speranza, era in discussione da una settimana è stata anticipata di fronte agli indugi del Governo e per intervenire contro gli assembramenti già da sabato. Il Presidente Zaia ha aggiunto poi che la gerarchia dei provvedimenti impone che qualsiasi intervento più restrittivo del Governo per questo periodo avrà precedenza su questa Ordinanza. A spingere il Veneto a giocare d’anticipo i numeri, 3331 pazienti ricoverati 378 di questi in terapia intensiva. Numeri pesantissimi sui quali il Governatore è tornato a chiedere rispetto per il lavoro dei sanitari e la gestione dell’emergenza. Nel punto stampa di domani, l’ordinanza sarà presentata nel dettaglio. E’ stata definita Dottoressa Russo, un’atto di reciproca responsabilità – Intervistati LUCA ZAIA (PRESIDENTE REGIONE VENETO) (Servizio di Anna De Roberto)


videoid(zIyQbHJQ1Qg)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria