TREVISO – Dal patto con gli enti per la rigenerazione urbana, alle politiche di genere, questi tra gli obiettivi del neo eletto alla guida della Cgil pensionati trevigiana, Vigilio Biscaro, subentrato a Paolino Barbiero || Rigenerazioni urbane e limiti al consumo del territorio, poi le politiche di genere, e la contrattazione sociale, gli obiettivi di Vigilio Biscaro, neoletto all’unanimità alla segreteria provinciale Spi Cgil con la presenza del segretario nazionale dello SPI Cgil Ivan Pedretti. Classe 1952, trevigiano doc, residente a Villorba, vanta un lungo corso sindacale a partire dagli anni 80, come componente del consiglio di fabbrica, poi segretario provinciale della Filis Cgil, segretario della Fiom – destra Piave e membro del direttivo nazionale, per passare alla Fillea Cgil fino al pensionamento. A Biscaro il compito di guidare il sindacato dei pensionati nel segno della continuità con il suo predecessore, Paolino Barbiero, militante storico nel sindacato della Marca, alla Fiom, poi alla segreteria confederale, conclude il mandato dopo otto anni da leader dei pensionati. – Intervistati VIGLIO BISCARO (Segretario Provinciale SPI Cgil), PAOLINO BARBIERO (Segretario uscente Spi Cgil provinciale) (Servizio di Luisa Bertini)


videoid(-6EAv7YoaME)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria