VENEZIA – Il Mose operativo in notturna. Le paratoie si sono alzate tenendo, ancora una volta, Venezia all’asciutto. || Altra prova superata per il Mose. Nella notte le paratoie si sono alzate, rimanendo in funzione fino alle ore 7 e 7 minuti di questa mattina. Così Venezia è rimasta all’asciutto. A seguire le operazioni per tutta la notte dalla cabina di comando il Provveditore alle Opere pubbliche del Triveneto, Cinzia Zincone che ha poi comunicato il felice esito del test.Le barriere gialle hanno creato un divario di 54 centimetri tra l’acqua del mare e quella della laguna. All’ora di pranzo sono tornate a riposo, creando un varco per permettere il transito di alcune navi. Esperimenti importantissimi, come spiega, il direttore del Corila, ingegner Pierpaolo Campostrini.Se le condizioni meteo marine lo richiederanno il Mose entrerà in funzione nuovamente anche in serata e nella giornata di domani, per quello che si può considerare il primo vero “stress test” del Mose lungo 40 ore. – Intervistati PIERPAOLO CAMPOSTRINI (DIRETTORE CONSORZIO RICERCHE SISTEMA LAGUNARE DI VENEZIA) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(iPDwa3PjrTY)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria