VICENZA – Vicenza si è svegliata sotto una coltre di neve. Abbiamo fatto il punto della situazione con l’assessore alla protezione civile, Mattia Ierarardi, che ci ha assicurato: è tutto sotto controllo. || Bufera bianca. Neve tanta, sputata da un cielo grigio, dopo una notte scura, piena di vento. Eppure nulla di più, nessun problema, niente di sorprendente. Vicenza si è svegliata così, sotto una coltre gelida e bianca, come tante volte in passato, non è stata la prima volta e non sarà l’ultima. Le previsioni dicevano acqua, e invece la neve ha anticipato le attese: dalle cinque del mattino Aim Amcps ha attivato i primi tre mezzi per lo spargimento del sale sulle arterie stradali principali, e nei punti critici, come la salita di Monte Berico, ma anche sui ponti, sui cavalcavia e nei sottopassi. Poi, con i primi accumuli di neve sono stati attivati altri cinque mezzi tra spargisale e autocarri con lama, per la pulizia delle strade in entrata ed uscita da Vicenza. Trenta uomini di Aim Ambiente hanno verificato e sistemato i punti di maggiore afflusso, mentre Aim Mobilità ha provveduto alla salatura di tutti i parcheggi a sbarre oltre a quelli dell’ospedale e della zona fiera. Le previsioni di Arpav dicono che il maltempo continuerà anche nelle prossime ore, ma in città non sono previsti allarmi. – Intervistati MATTIA IERARDI (Assessore alla Protezione Civile di Vicenza) (Servizio di Carlo Alberto Inghilleri)


videoid(N3Xkjo3yOO8)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria