MARGHERA – Espulso il vandalo che giorni fa ha distrutto la statua della Madonna a Marghera. Una volta formalizzate le pratiche sarà mandato via. || Il 31enne palestinese che ha decapitato la statua della Madonna di piazzale Giovannacci, a Marghera, sarà espulso. Attualmente si trova nel centro per il rimpatrio di Gorizia in attesa che vengano terminate le pratiche, dopodichè lascerà il paese. L’episodio è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì, gli agenti l’ avevano individuato subito grazie anche alle testimonianze di chi aveva assistito alla scena e l’hanno portato in questura, denunciandolo per “offese a una confessione religiosa tramite danneggiamento di cose”. Per questo reato non è previsto l’arresto, quindi è stato rilasciato.A quel punto è salito su un treno diretto a Vicenza dove è stato fermato per un controllo. Secondo gli agenti della Polfer, quel documento da rifugiato, era solo un titolo di viaggio non sufficiente a legittimare la permanenza in Italia. Quindi il caso è rimbalzato alla questura berica che, dopo opportune verifiche ha chiamato i colleghi di Venezia facendo partire la segnalazione all’ufficio immigrazione: il 31enne non aveva il permesso di soggiorno, di conseguenza è stato espulso. Il caso è stato passato alla Digos, per verificare eventuali legami con l’Islam radicale ma il questore ha negato che siano emersi riscontri. (Servizio di Ilaria Marchiori)


videoid(tjRqJh_KlLY)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria