CASIER – Tragedia questa mattina a Casier in via Principale. Luigi Pieretto 70 anni è stato trovato privo di vita a letto, morto asfissiato dal gas che utilizzava per riscaldare la sua abitazione || Un forte odore di gas ha messo in allerta i vicini di casa che hanno subito chiamato i soccorsi. Luigi Pieretto 70 anni era sul letto, privo di vita. Sul posto sono arrivati in pochi minuti gli uomini del Suem 118, i vigili del fuoco ed i carabinieri. L’abitazione era satura di gas. Nella casa fra l’altro il pensionato aveva anche delle bombole. Sembra dai primi accertamenti che l’uomo avesse acceso la stufa per riscaldarsi e che la fiamma si sia spento sprigionando il gas. Il 70 enne abitava da solo in questa abitazione in via Principale . Una persona schiva e riservata ma che tutti in paese conoscevano. ” Ho saputo che ieri era andato a comprare un bombola di gas per la stufa, per potersi riscaldare – spiega una residente – qualcosa non ha funzionato”. Quando gli uomini del soccorso sono entrati non c’era più nulla da fare. La casa è stata messa in sicurezza. All’interno c’era ancora delle bombole di gas. La notizia della morte di Luigi ha subito fatto il giro del paese. Queste tragedie dice il sindaco di Casier Renzo Carraretto non dovrebbero più accadere.”Purtroppo ci troviamo ancora ad assistere a certe situazioni – dice il primo cittadino – persone che vogliono continuare a vivere come una volta, con stufe vecchie”. Il corpo privo di segni che possano far ricondurre al coinvolgimento di terzi, è a disposizione della Procura di Treviso che potrebbe disporre l’autopsia. Sarebbe esclusa per ora anche l’ipotesi del gesto estremo – Intervistati RENZO CARRARETTO (Sindaco di Casier) (Servizio di Daniela Sitzia)


videoid(de7t3KxdIRY)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria