SILEA – Sono andate avanti per tutto il giorno le indagini attorno all’incendio divampato ieri sera in una fabbrica a Silea. I carabinieri stanno indagando per incndio doloso. Di “fatto grave” parla il sindaco che sta mettendo a disposizione le immagini della videosorveglianza. || Le luci del giorno hanno restituito un quadro inquietante, qui, all’interno del piazzale recintanto della Step Srl, fabbrica affacciata sulla Postumia alle porte di Silea.Le fiamme divampate sabato sera alle 19,50 – questa l’ipotesi dei carabinieri – sarebbero di natura dolosa, le tracce del resto parlano di tre incendi singoli all’interno dei rispettivi abitacoli dei mezzi coinvolti, un’auto e due camion, la prima parcheggiata a diverse decine di metri dagli altri.A lanciare l’allarme è stato un passante, immediato l’intervento dei vigili del fuoco, che per segnere del tutto i roghi, hanno impiegato diverse ore.Un’operazione tempestiva che ha impedito alle fiamme di interessare le bombole depositate vicine ai camion, evitando così ulteriori deflagrazioni e danni ancora più ingenti. I carabinieri stanno procedendo per il reato di incendio doloso e in queste ore stanno sentendo titolari e dipendenti della ditta. Nessuna ipotesi viene al momento esclusa e l’area è sotto sequestro.Un aiuto alle indagini potrebbe arrivare dal sistema di videosorveglianza. Nella zona ci sono diverese telecamere sia pubbliche che private. “E’ un episodio grave”, afferma il sindaco di Silea Rossella Cendron, “ma sono certa che le forze dell’ordine faranno piena luce su quanto successo”. – Intervistati ROSSELLA CENDRON (Sindaco di Silea) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(_SDwZJNMB98)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria