VENEZIA – Nell’omelia pronunciata nel corso della Santa Messa celebrata alla Basilica della Salute, il patriarca di Venezia Francesco Moraglia ha criticato un certo tipo di politica richiamandola ai propri doveri. Un concetto condivio dal sindaco Luigi Brugnaro. || A causa della pandemia è stata per la prima volta che la Festa della Salute si è celebrata senza il tradizionale ponte votivo e la folla di fedeli all’esterno e all’interno della Basilica, ma con accessi contingentati e celebrazioni ridotte.Nel corso dell’omelia il patriarca di Venezia Monsignor Francesco Moraglia si è augurato che dopo il Covid arrivi non solo una ripresa dell’economia ma anche dell’uomo a livello individuale e a livello collettivo. Come nella politica “per il cristiano – ha detto Monsignor Moraglia – la forma più alta della carità”.Sul banco degli imputati – oggi – c’è un atteggiamento anche e soprattutto della politica che è cultura dell’effimero, dell’apparire che cambia secondo le circostanze, dell’usa e getta secondo ciò che conviene.Una lettura condivisa anche dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che. presente alla Messa celebrata in Basilica, ha osservato come la politica debba abbandonare atteggiamenti polemici e collaborare – Intervistati LUIGI BRUGNARO (SINDACO DI VENEZIA) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(7ephJICNLF0)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria