TREVISO – Covid, in Veneto superati i 100mila contagi. E con 253 pazienti in terapia intensiva, la Regione passa a una fascia di rischio più alta secondo il Piano di Sanità Pubblica. Nella Marca, con 345 ricoveri di malati covid, sono stati superati i numeri della prima ondata del virus. || Contagi da Covid 19, il Veneto supera la soglia dei 100mila dall’inizio della pandemia. Non solo. I numeri del bollettino mattutino diffuso dalla Regione, registrano un altro passaggio, quello oltre i 250 ricoveri in terapia intensiva, che fanno entrare la macchina sanitaria nella fase di rischio numero 4, che precede l’ultima, la più grave. Nella Marca trevigiana i ricoveri sono in aumento, 345. «Abbiamo superato – spiega il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi – i numeri della prima ondata». 24 attualmente i pazienti in terapia intensiva. Nel frattempo il potenziamento della rete di strutture chiamare a far fronte a questa seconda ondata prosegue. Nuovo punto tamponi, da martedì, a Castelfranco, che consentirà di arrivare a oltre 6mila test al giorno, mentre si sta completando il reclutamento del personale per riaprire l’ospedale “Guicciardini” di Valdobbiadene: ci si affiderà al personale in pensione. Infine le vaccinazioni antinfluenzali, che stanno proseguendo con i numeri più alti di sempre. Tra una settimana arriveranno le dosi da distribuire ai medici di famiglia, il sabato successivo l’Ulss 2 organizzerà una giornata per chi non avrà potuto vaccinarsi nel frattempo. La “copertura”, che solitamente si fermava sotto il 55%, ha già raggiunto attualmente il 75% dei soggetti a rischio. – Intervistati FRANCESCO BENAZZI (Direttore generale Ulss 2) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(2oiTbrj6YqI)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria