TREVISO – Sullo scontro tra Fimmg di Treviso e Regione sull’effettuazione dei tamponi interviene anche il direttore generale Benazzi. “Temo che vivano su un altro pianeta”, dice. || I punti della polemica sollevati dalla Fimmg di Treviso semplicemente non esistono per il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi, che guarda al prossimo rendez-vous con i medici di base.Primo punto, dice Benazzi, gli spazi fuori dagli ambulatori saranno messi a disposizione di tutti quelli che ne faranno richiesta. Secondo. Disponibilità massima anche per la loro sanificazione.Altro capitolo, i dpi, quelli che non arriveranno da Roma, saranno integrati dalla regione. Questo l’impegno della direzione dell’Ulss che risponde anche alla critica principale del sindacato secondo cui la Regione non avrebbe rinforzato gli organici del Servizio di Igiene, parlando di incapacità organizzativa. “Su questo ho la sensazione che vivano su un altro pianeta. La Regione del Veneto è quella che ha più puntato sullo screening”, dice Benazzi, che si augura di arrivare a un accordo definitivo entro la fine della settimana. – Intervistati FRANCESCO BENAZZI (Direttore Generale Ulss 2) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(QHAb__Sa4iY)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria