07/10/2021 ABANO TERME – Un nubifragio violentissimo quello che si è abbattuto nel pomeriggio di mercoledì ad Abano Terme dove in due ore sono caduti 125 mm di pioggia. Il lavoro di vigili del fuoco e protezione civile è continuato per tutta la giornata. La disperazione di cittadini, negozianti e albergatori. || Le lacrime di Maurizio Bettin, titolare di questo bar di Via Flacco aperto da 45 anni. Tutto chiuso, salvo per miracolo dopo che il muro dello scantinato magazzino è crollato. Travolto dall’acqua lui è riuscito a uscire ma i danni sono ingenti. Come lui quasi tutti i negozianti della via centrale di Abano che tra le 16 e le 18 si è trasformata in un fiume. In difficoltà anche i numerosi alberghi della strada con ospiti che fanno i conti con auto intrappolate nei garage sotterranei tuttora allagati. Al lavoro i vigili del fuoco con le pompe come i volontari della protezione civile. Il primo passo è togliere l’acqua, poi si potranno iniziare a contare i danni. (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(Nn6V4Z12tUE)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria