30/09/2021 TREVISO – E’ stato trovato agonizzante sotto le mura da alcuni consiglieri comunali che lo hanno soccorso, poco dopo è morto in ospedale. E’ ancora tutta da decifrare la morte di un uomo di circa 40 anni, del quale ancora non si conosce l’identità. Aperto un fascicolo di tipo conoscitivo. || E’ il consigliere Giancarlo Da Tos il primo a fermarsi per prestare soccorso, lo seguono – in pochi istanti – il collega Andrea Beraldo e l’Assessore Sandro Zampese. Stanno rientrando con le loro rispettive auto dal Consiglio comunale, quando – a mezzanotte circa – al varco Filippin vedono un uomo riverso sul ciglio della strada.Una volta al Cà Foncello, l’uomo muore poche ore dopo. I sanitari informano la Polizia, a muoversi è la Squadra Mobile guidata da Immacolata Benvenuto.Due i fronti di indagine: il primo, capire l’identità dell’uomo, quarant’anni circa, probabilmente dell’est Europa, ma non c’è certezza. Secondo, ricostruire la dinamica e le sue ultime ore di vita. L’ipotesi principale è quella della caduta accidentale, forse dall’alto, dal passaggio pedonale sopra le mura. Effettuati i test tossicologici, nelle prossime ore sarà eseguita anche l’autopsia, seppure da un primo esame non sarebbe emerso nessun segno evidente di collutazione o coinvolgimento di terzi. Il trauma cranico sarebbe compatibile con una caduta.Il fascicolo aperto dalla Procura è di tipo conoscitivo, quindi senza indagati né ipotesi di reato. – Intervistati GIANCARLO DA TOS (Consigliere Comunale Lega), SANDRO ZAMPESE (Assessore Lavori Pubblici Comune di Treviso) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(q_ZG_tJeXgM)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria