23/09/2021 RUBANO – L’omicidio suicidio di Rubano. Ritrovato dai carabinieri il testamento di Stellio Cerqueni, l’anziano che ha ucciso la figlia Dorjana, che nel giorno della tragedia lo aveva portato con se. || Il testamento scritto di pugno ha la data 17 settembre 2021, lo stesso giorno in cui Stellio Cerqueni, 88 anni, ha percorso la strada da Monfalcone a Sarmeola di Rubano dove, dopo un breve dialogo con la figlia Dorjana, ha estratto la pistola e l’ha uccisa nel giorno del suo sessantesimo compleanno rivolgendo poi l’arma contro se stesso. Ennesimo colpo di scena in una tragedia che assume di giorno in giorno contorni sempre più drammatici. Tutti i suoi beni andranno al nipote Michele, il figlio di Dorjana, lo stesso a cui aveva iniziato a scrivere 21 anni fa per spiegargli perchè non l’avesse mai conosciuto, lo stesso a cui ha raccontato una storia fatta di dissidi e liti legate agli affari. Dall’autopsia emersa la ricostruzione esatta di quanto accaduto in Via Valli: dopo aver esploso un primo colpo di pistola, Stellio Cerqueni ha freddato la figlia che si era rannicchiata nel tentativo di difendersi, sparandole alla nuca per poi rivolgere l’arma contro se stesso. (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(f1KfcQShYS0)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria