17/09/2021 BELLUNO – Nella sede di Confindustria Belluno Dolomiti firmato il Patto territoriale per l’occhialeria, intesa fra le organizzazioni datoriali e sindacali per accompagnare e governare la profonda evoluzione che sta attraversando il settore in provincia di Belluno. || Competenze digitali, smart working, politiche di conciliazione vita-lavoro, parità di genere, formazione, politiche attive, ammortizzatori sociali. Sono gli obiettivi condivisi dalle organizzazioni datoriali e sindacali che mercoledì a Belluno nella sede di Confindustria hanno siglato il patto territoriale per l’occhialeria per accompagnare e governare il settore che sta affrontando una profonda evoluzione. E’ un accordo innovativo che mette nero su bianco la necessità di un’approfondita analisi delle competenze e che pone la formazione al centro del cambiamento come strumento di politica industriale. Sullo sfondo i problemi di sempre del territorio bellunese che incidono sul suo sviluppo. Un accordo auspicato dalla Regione Veneto. Ieri al tavolo convocato dall’assessore Donazzan il patto territoriale è stato accolto come un punto di partenza anche rispetto alla prossima programmazione europea, che pure rappresenta una grande occasione di sviluppo nell’ambito del capitale umano. – Intervistati LORRAINE BERTON (PRESIDENTE CONFINDUSTRIA BELLUNO DOLOMITI), DENISE CASANOVA (SEGRETARIA FILCTEM CGIL BELLUNO) (Servizio di Tiziana Bolognani)


videoid(gkFVyVsfAko)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria