15/09/2021 ASOLO – Il monte Grappa è riserva Unesco, Zaia: «Un gioiello nello scrigno del Veneto». || Dopo due anni di negoziato, il Consiglio dell’UNESCO ha iscritto il territorio del “Monte Grappa” nella Lista delle Riserve di Biosfera MAB UNESCO. Il Monte Grappa è da ora la 20° Riserva della Biosfera italiana. Dopo le Dolomiti e le Colline del prosecco è arrivato anche questo importante traguardo in grado di dare un’enorme visibilità internazionale.Un traguardo giunto all’unanimità, vista l’assoluta qualità e unicità del “Monte Grappa”, “laboratorio di idee concrete e innovative” in settori cruciali quali l’economia circolare e la mobilità sostenibile, in piena coerenza con gli obiettivi di sviluppo sostenibile della Agenda 2030 delle Nazioni UnitePer i valutatori, la nuova Riserva MAB del Monte Grappa rappresenta un “ponte bio-ecologico” tra la pianura padana e l’arco alpino sud orientale”Il Veneto “è uno scrigno che passo dopo passo, sta ricevendo il giusto riconoscimento”, è stato il commento soddisfatto del presidente del veneto Luca Zaia. Un risultato storico, che i 25 comuni di tre Province hanno accolto con grande favore. – Intervistati FEDERICO CANER (Ass. Turismo Regione Veneto), ANNALISA RAMPIN (Pres. IPA terre di Asolo e Monte Grappa), ANNA AGOSTINI (Consulente per la Candidatura “Monte Grappa Riserva Biosfera Unesco”), DARIO SCAPEL (Sindaco Seren del Grappa), CLAUDIA BENEDOS (Sindaco di Maser), SIMONE BONTORIN (Sindaco Romano D’Ezzelino) (Servizio di Nicola Marcato)


videoid(4DgKqBmvUiU)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria