14/09/2021 VENEZIA – I pesanti rincari a luce e gas prospettati dal ministro per la Transizione ecologica Cingolani. Federconsumatori Veneto stima un aumento per famiglia di oltre 600 euro l’anno e invoca un intervento drastico del Governo. || Le stime dei rincari della bolletta elettrica, + 40%, rese note dal ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani a partire da ottobre mettono in allarme i cittadini e le associazioni dei consumatori. Fedeconsumatori Veneto, per voce della sua presidente Giovanna Capuzzo, parla di stangata senza preavviso. L’associazione ha calcolato le maggiori spese a cui vanno incontro le famiglie: all’anno, tra luce e gas, oltre 600 euro. Non è solo un timore, ma una certezza, che questi aumenti in bolletta produrranno un effetto domino di cui faranno le spese ancora una volta i cittadini. Ai consumatori l’associazione ribadisce le buone norme per evitare sprechi, ma tra accise e costi di sistema, le voci su cui incidono le buone pratiche, in casa o in azienda che sia, sono marginali. – Intervistati GIOVANNA CAPUZZO (Pres. Federconsumatori Veneto) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(49UfW4u8FdI)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria