13/09/2021 CROCETTA DEL MONTELLO – A Crocetta del Montello, sulla grave dove decine di ragazzi hanno messo in piedi, sabato notte, un rave party, subito datto sgombrare dai carabinieri. “Questa – dice il sindaco – è una zona naturale da proteggere”. || Le grave del Piave non sono nuove a feste, accampamenti o a veri e propri rave party, come quello di sabato notte a Crocetta, con i carabinieri che hanno identificato 50 giovani, evitando che decine di altri ragazzi provenienti da tutto il Nord Est e addirittura dall’estero confluissero in quel punto isolato. Un evento abusivo, itinerante, da Giavera a Moriago. E’ stata la musica alta ad attirare l’attenzione dei carabinieri, spiega il sindaco Marianella Tormena, che ci ha accompagnato in prossimità della zona. Il buio e la difficoltà a inoltrarsi nell’area non hanno dissuaso i militari. Un modo, soprattutto in tempi di restrizioni anticovid, per sfuggire ai divieti. Come a Ponte di Piave ad agosto, anche in questo caso l’idea dei partecipanti, tutti ragazzi tra i 17 e i 26 anni, era quella che in una zona del genere, nessuno li sentisse o si prendesse la briga di farli andar via. – Intervistati MARIANELLA TORMENA (Sindaco di Crocetta del Montello) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(XGztuWuqhSs)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria