11/09/2021 MESTRE – Zahra Hamadi, l’attivista afghana 32 enne scampata ai talebani, si è riunita con la famiglia che da tempo vive a Venezia. Ospite a Mestre del Festival della politica racconta il dramma del suo popolo oppresso dai terroristi talebani || Zahra Hamadi, l’attivista afghana 32 enne scampata ai talebani, si è riunita con la famiglia che da tempo vive a Venezia. Ospite a Mestre del Festival della politica racconta il dramma del suo popolo oppresso dai terroristi talebani. Occhi scuri, profondi. Sguardo intenso, rivolto altrove a quasi 5mila chilometri di distanza da lei: alla sua terra, l’Afghanistan. “La mia terra non deve essere dimenticata, questo il compito che in qualità di donna, attivista e imprenditrice porterò avanti anche da qui”. E’ Hamed il fratello chef di Venezia a tradurre il suo emozionato ed emozionante messaggio, Tra lo stop di 20 anni di missione militare internazionale in Afghanistan, con la caduta di 53 dei nostri soldati italiani, e i 20 anni dall’attentato alle Twin Towers al centro il sangue che continua a scorrere per mano dei terroristi: “Non date credito e non scendete a patti con i talebani, aiutateci. Non spegnete i riflettori su di noi”, dice la 32 enne rivolgendosi ai giornalisti.Zahra, carattere forte e tenace; paladina di una luce di speranza per il futuro di tante vite ancora sospese: “Il popolo afghano non dev’essere dimenticato, non abbandonateci”, il suo appello – Intervistati ZAHRA AHMADI (ATTIVISTA AFGHANA) (Servizio di Annamaria Parisi)


videoid(NbMBT7Y-F-s)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria