10/09/2021 MESTRE – In Veneto calano gli abitanti e calano soprattutto le imprese: nel 2020 si sono perse 45mila partite iva. E’ uno dei dati più importanti di una ricerca condotta dall’Osservatorio Economico Sociale della UILCA. || Che Veneto ci sarà passato il Coronavirus? Quale sarà l’impatto sociale dei cambiamenti economici e del lavoro? Se nessuno possiede la sfera di cristallo, è anche vero che certi processi futuri possono essere previsti e nel caso influenzati dopo un attenta analisi del presente: come quella realizzata dall’Osservatorio Economico Sociale della UILCA. Dalla ricerca affiorano elementi importanti. Nel 2020 per la prima volta dagli anni Cinquanta, il Veneto registra un saldo demografico negativo, seppure contenuto al –0,5%, che si ripercuote sul ricambio nel mercato del lavoro esulla struttura del welfare al servizio delle persone. Il saldo demografico negativo riguarda in maniera ancora più consistente le imprese. L’Osservatorio della UIL avrà una sezione di monitoraggio anche sulla povertà, un fenomeno in aumento – come testimonia la crescita del 32% dellerichieste di Reddito di Cittadinanza in Veneto rispetto al 2019 – ma meno visibile in quanto non circoscritto ma diffuso e che comprende anche laureati, lavoratori autonomi e imprenditori. – Intervistati ROBERTO TOIGO (SEGRETARIO GENERALE UIL VENETO), RENATO MASON (SEGRETARIO CGIA MESTRE) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(nGvTu_wcTUE)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria