01/09/2021 TREVISO – E’ stata un flop la manifestazione no-pass annunciata nei giorni scorsi sui social e che doveva portare a un blocco ferroviario nelle stazioni italiane, comprese Treviso e Conegliano. Nel capoluogo della Marca i manifestanti sono stati poco più di una decina. Imponente il dispeigamento di uomini e mezzi || Una decina, poco più poco meno, i no green pass che si sono trovati davanti alla stazione di Treviso per quella che – su Telegram – era stata annunciata come una gioranta di mobilitazione con tanto di blocco della circolazione ferroviaria.Minaccia che ha portato a un imponente dispiegamento di uomini e mezzi,a Treviso capoluogo come a Conegliano, tra le 54 città italiane nel mirino.Diversi gli operatori schierati, a supportare la Polfer, anche la Questura, i carabinieri e la polizia locale.Alla fine però, il flop è stato evidente, ad ammetterlo gli stessi manifestanti che pure rivendicano le loro ragioni: “Il green pass è un obbligo vaccinale mascherato. Non è corretto”. “C’è in gioco la Costituzione”. E c’è chi fa parallelismi storici a dir poco estremi: “Già una volta la scienza ha fatto danni con gli ebrei”. (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(xY5HAmT47rc)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria