21/08/2021 JESOLO – Denunciato un 39enne che a Jesolo rubava sotto gli ombrelloni mentre a Venezia è stato arrestato un 30enne spacciatore. || Approfittava dell’assenza o della distrazione dei bagnanti per derubarli sotto l’ombrellone. Gli agenti del commissariato di Jesolo hanno denunciato un marocchino 39enne senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale, per furto, ricettazione e porto d’armi. E’ stato individuato durante il controllo di un edificio in costruzione a Jesolo in via Roma Destra. Il 39enne aveva organizzato una sorta di bivacco di fortuna, ove erano accumulati zaini, borse, asciugamani, indumenti molti dei quali femminili e altri effetti. Una volta in commissariato, gli agenti sono riusciti a risalire agli effetti personali correlati a una decina di denunce per furti avvenuti sull’ arenile jesolano, quindi hanno contattato i diretti interessati che poi hanno riconosciuto i loro oggetti. A quel punto, l’uomo è stato segnalato all’ Autorità Giudiziaria e nei suoi confronti sono state avviate le procedure amministrative connesse alla sua posizione di irregolarità sul territorio nazionale. A Venezia, invece, i carabinieri del Nucleo natanti hanno arrestato nella notte un 30enne marocchino, già noto alle forze dell’ordine e pregiudicato mentre si calava dalla finestra di un appartamento disabitato gestito dall’Ater, nel sestiere di Castello. Fermato per l’ identificazione, ha reagito con violenza aggredendo i militari, minacciandoli e cercando fuggire. Alla fine però è stato bloccato. Con sé aveva eroina e altro materiale per taglio e confezionamento. E’ accusato di detenzione ai fini di spaccio, invasione di edifici, violazione delle norme sull’immigrazione, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. (Servizio di Ilaria Marchiori)


videoid(QIGYZmBFIHM)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria