18/08/2021 TREVISO – Decretato lo stato di crisi per cinque province in seguito al maltempo di lunedì sera. Mentre si discute sul problema degli alberi che costantemente il vento abbatte a decine. || Treviso, Padova, Verona, Vicenza e Città Metropolitana di Venezia: il Presidente della Regione Luca Zaia ha dichiarato per queste cinque province lo stato di crisi in seguito al maltempo di lunedì sera. Il decreto rimarrà “aperto” in attesa che i Comuni effettuino un preciso censimento dei danni provocati alle opere pubbliche e ai privati. E’ stato il vento a causare i problemi maggiori, abbattendo alberi e spezzando rami. La caduta di piante sta diventando una costante in caso di temporali, con tutti i rischi che questo comporta, soprattutto a livello di viabilità. Fausto Pozzobon, esponente di Legambiente, spiega che il problema nasce a monte. Il filare lungo questa strada, a Maserada, fa riflettere: gli alberi, piantati non hanno neppure lo spazio per svilupparsi. Piante sofferenti e quindi più esposte a malattie, tanto da spezzarsi anche a metà tronco. Gli alberi vanno potati in modo da equilibrare le chiome e nutriti adeguatamente. Detto questo, è anche vero che ogni qualvolta si ipotizzi di rimuovere piante pericolose o anche malate, insorgono gli ambientalisti. – Intervistati FAUSTO POZZOBON (Legambiente Maserada sul Piave) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(JcrUaaEeUQ8)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria