18/08/2021 PADOVA – Emergenza coronavirus. Bilancio in chiaroscuro da parte dell’azienda ospedaliera di Padova che ha visto un aumento dei ricoveri in questa settimana. Intanto sono cinque gli operatori sanitari no vax che sono stati sospesi. || Sono quattro infermieri e un operatore sociosanitario i primi no vax sospesi tra quanti lavorano all’interno dell’azienda ospedaliera di Padova. Un procedimento che il direttore generale Giuseppe Dal Ben riassume così.Intanto il coronavirus continua a essere un osservato più che speciale, anche se il dato con cui esordisce il direttore generale nel suo bilancio settimanale è di quelli che lasciano qualche spiraglio di speranza: in una settimana in Veneto sono diminuiti i nuovi positivi – 763 in tutta la regione, -82 nella provincia di Padova. A preoccupare è invece l’andamento dei ricoveri. Attualmente in azienda ospedaliera sono ricoverati 27 pazienti, 22 non vaccinati: 6 in terapia intensiva, 15 in malattie infettive, tre sono donne incinte non in situazioni preoccupanti, tre bambini il più piccolo dei quali ha sette anni. Solo a fine Estate si potrà godere dei primi benefici dell’effetto green pass, spiega il numero uno di Via Giustiniani, che un dato continua a guardarlo sconsolato: se diminuisce il numero totale dei contagi, aumenta a Padova quello dei tamponi positivi passati dall’1,8 al 2,7% dei totali in una settimana, tutti di variante Delta. – Intervistati GIUSEPPE DAL BEN (Direttore Generale Azienda Ospedaliera di Padova) (Servizio di Chiara Gaiani)


videoid(l-BMrE3Cwd0)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria