14/08/2021 MESTRE – Continuano le polemiche sul trasporto pubblico veneziano. L’assessore alla mobilità Renato Boraso risponde alla richiesta di dimissioni del PD: loro fanno propagando noi stiamo risolvendo i problemi. || “A Venezia c’è un’opposizione populista, generica, offensiva, incapace di fare proposte concrete ma abilissima nel polemizzare nella speranza di ottenere 5 minuti di notorietà”. E’ durissima la replica dell’assessore comunale alla viabilità Renato Boraso alla richiesta di dimissioni avanzata dal Partito Democratico per i problemi di questi mesi dell’Actv. Boraso non fa giri di parole: l’opposizione è dura nel chiedere la testa degli amministratori e contemporaneamente morbida, o con la testa girata da un’altra parte, davanti a sindacati estremisti, assenteisti cronici, malati immaginari improvvisi, alcuni lavoratori che godono di vecchie posizioni privilegiate che creano evidenti disparità con i neo assunti, aggressioni a rappresentanti dei lavoratori, strane rotture dei mezzi e molte altre situazioni. Al di là di quelle che definisce “polemichette ferragostane” l’assessore alla mobilità Renato Boraso assicura che sarà risolta anche questa situazione in Actv una volta per tutte: “Puntando sul premiare merito, fatica e competenza – conclude – dalla pandemia si uscirà con un’azienda che resta pubblica e sarà più forte”. – Intervistati RENATO BORASO (ASSESSORE ALLA MOBILITA’ COMUNE DI VENEZIA) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(Cbd0dbOmhDA)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria