10/08/2021 ALTIVOLE – Hanno vissuto degli attimi di autentico terrore due anziani di Altivole, rapinati nella loro abitazione da malviventi armati di cortello. || Solo una manciata di minuti, ma sufficienti a gettare nel terrore una coppia di anziani residenti in questa abitazione di via Piave ad Altivole. I coniugi Dina e Giuseppe Carniello, entrambi di 81 anni, stavano per andare a letto, poco prima di mezzanotte, quando all’improvviso si sono visti davanti tre individui vestiti di scuro, completamente travisati e armati di coltelli. I rapinatori sono entrati da una finestra sul retro, lasciata aperta dai padroni di casa per far passare un po’ d’aria. Sotto la minaccia delle lame hanno ordinato di farsi consegnare il denaro nascosto in casa. I due anziani, terrorizzati, hanno obbedito, indicando alcuni cassetti nei quali i rapinatori avevano già cominciato a rovistare. Intascato il bottino, ben quattro mila euro in contanti, la banda si è dileguata uscendo dalla stessa finestra usata per entrare, e scappando a piedi lungo la strada, dove probabilmente li aspettava un mezzo per la fuga. A dare l’allarme sono state le stesse vittime: mentre i malvimenti si allontanavano hanno chiamato prima i carabinieri e poi i figli, Gianluca e Maurizio, residenti in zona, che sono subito accorsi per rincuorare i genitori. Che oggi, comprensibilmente ancora scossi, preferiscono restare in casa. “Per fortuna non gli hanno fatto male e alla fine ne sono usciti illesi, dice il figlio Gianluca, ma in quei pochi istanti mamma e papà se la sono vista davvero brutta. Dei rapinatori in casa armati di coltello farebbero paura a chiunque, figuriamoci a degli anziani indifesi”. Sono in corso le ricerche dei carabinieri per rintracciare i rapinatori, rese complicate dall’assenza di telecamere di sorveglianza nella zona, e soprattutto dal fatto che il colpo è stato così rapido da passare inosservato anche ai vicini. Dall’abitazione adiacente invece dicono di aver sentito delle voci provenire dalla casa dei Carniello, ma troppo indistinte per ravvisarne un pericolo. Sta di fatto che l’episodio, una volta venuto alla luce, spaventa e preoccupa tutti. (Servizio di Francesco Ceron)


videoid(5BsSeJq3_cw)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria