09/08/2021 VENEZIA – Il settore commerciale traina la ripartenza del porto di Venezia con un +9,6% rispetto al primo semestre del 2020. Nei primi sei mesi dell’anno è nel segno della ripresa anche l’attività del porto di Chioggia. || La prima metà dell’anno è stata nel segno della ripartenza per il Porto di Venezia con il settore commerciale a fare da traino alla ripresa dei traffici in entrata e in uscita dallo scalo lagunare.La movimentazionedi 11 milioni e mezzo di tonnellate di merci vale un aumento del 4,4% rispetto allo stesso periodo del 2020. Con un +9,6%, èil settore commerciale a fare la parte del leone, compensando, superandoli, i cali registrati nei settori industriale e petrolifero. Rispetto allo stesso periodo del 2019-2020, il periodo luglio 2020-giugno 2021 registra una flessione dei traffici del 2,2%. un dato che risente ancora dei livelli di traffico pre-pandemia. Da gennaio a giugno 2021 è tornato a crescere il numero dei crocieristi, quasi 9.000, e dei passeggeri dei traghetti circa 20mila.Il porto di Chioggia, con 530.743 tonnellate, ha avuto un aumento semestrale dei traffici del 14,5%. Mentre su base annuale, la pesante influenza del Covid provoca una flessione del 14,1%.Soddisfatto il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Fulvio Lino Di Blasio che sottolinea come a maggio scorso Venezia abbia realizzato nel settore commerciale il migliore risultato in termini di tonnellate movimentate mai ottenuto dal 2018 ad oggi. Ora la sfida sarà rendere compatibili le funzioni portuali commerciali e industriali di Porto Marghera con la crocieristica. (Servizio di Filippo Fois)


videoid(mEcCk8SW0PU)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria