07/08/2021 LIDO DI VENEZIA – Il direttore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ospite della nostra diretta ci ha anticipato per l’inizio della prossima settimana ancora un paio di colpi a sorpresa che completeranno il programma della kermesse cinematografica annunciato il 26 luglio. || Come il più abile dei registi, il direttore Alberto Barbera ha tenuto in serbo due grandi colpi, che saranno annunciati dalla Biennale all’inizio della prossima settimana a completare il programma ufficiale della 78 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che inizierà dal primo all’11 settembre prossimo al Lido. Il premio Campari Passion for Film, istituito tre anni fa alla 75. Mostra, si propone di valorizzare lo straordinario contributo che i collaboratori più stretti del regista offrono al compimento del progetto artistico rappresentato da ciascun film. Passion for Film premia a turno una di queste figure (tre anni fa il montatore statunitense Bob Murawski, due anni fa il direttore della fotografia italiano Luca Bigazzi, l’anno scorso il trombettista jazz e compositore Terence Blanchard), non semplici artigiani ma artisti e co-autori delle opere a cui offrono il contributo del loro insostituibile talento.La consegna del premio a Marcus Rowland avrà luogo sabato 4 settembre alle ore 22.00 in Sala Grande (Palazzo del Cinema), prima della proiezione Fuori Concorso di Last Night in Soho (Uk, 118′) di Edgar Wright con Anya Taylor-Joy, Thomasin Harcourt McKenzie, Matt Smith, Terrence Stamp, Diana Rigg, di cui Marcus Rowland è l’autore delle scenografie.A proposito del riconoscimento, Alberto Barbera ha dichiarato: “Ciò che i registi con cui ha lavorato nel cinema, in televisione e in pubblicità, apprezzano maggiormente in Marcus Rowland è la capacità di trasformare in realtà ciò che è solo un’immagine mentale. Legato a Edgar Wright da un sodalizio che dura da vent’anni, è il collaboratore perfetto del regista che ne apprezza la creatività senza limiti, e la capacità di andare oltre quello che normalmente si pensa uno scenografo faccia sul set. Coinvolto sin dalle prime fasi di sviluppo della sceneggiatura fino al termine della post produzione, è un artista nel senso pieno del termine che collabora compiutamente alla concezione dell’aspetto generale – Intervistati ALBERTO BARBERA (DIRETTORE MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(wnPjDgNHNG4)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria