02/08/2021 BELLUNO – Il maltempo non dà tregua al Bellunese. Dopo il fortunale che nella notte fra sabato e domenica ha colpito il Basso Feltrino, ieri all’ora di pranzo una tromba d’aria ha causato danni in centro a Belluno. || I tuoni in lontananza, le nubi sempre più minacciose, il vento e poi improvvisamente un vortice d’aria. Era da poco passato mezzogiorno quando a Belluno la domenica s’è tramutata in un incubo per gli abitanti del centro cittadino e dei quartieri limitrofi. In via del Piave il nubifragio si è abbattuto con violenza sulla sede di Confindustria interessata da una settimana da lavori di restauro delle storiche facciate di Villa Doglioni Dalmas. Ponteggi accartocciati e danni evidenti sull’edificio affacciato sul Piave. Tegole pericolanti sugli edifici di Piazza dei Martiri che stamattina si sono presentati delimitati dal nastro bianco e rosso; piante abbattute in via Gabelli, davanti al parco Città di Bologna, e rami abbattuti dal vento che ha attraversato longitudinalmente il centro cittadino colpendo i quartieri di Cavarzano e Baldenich.In Via Vittorio Veneto s’è sfiorata la tragedia. Una pianta è stata sradicata dal terreno ed è finita in mezzo alla strada a quell’ora particolarmente trafficata. Nella notte tra sabato e domenica la pioggia e la grandine ha causato danni ingenti ancora nel Basso Feltrino; le previsioni meteo per i prossimi giorni non sono rassicuranti. L’alternanza di schiarite e temporali saranno una costante almeno fino a giovedì. – Intervistati GIULIANO DE CIAN (IMPRESA RESTAURO) (Servizio di Tiziana Bolognani)


videoid(DVd1CW7BqOk)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria