31/07/2021 SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO – «Non avevo mai avuto un problema fisico, mi sentivo invincibile, ma a tre mesi dal contagio sto ancora lottando per tornare a vivere normalmente»E’ la testimonianza William Crepaldi di San Michele al Tagliamento che,guarito dal Covid ad Aprile, continua a soffrire dei postumi della malattia e invita tutti a vaccinarsi. || Il Coronavirus è scomparso ma a distanza di circa tre mesi i problemi di salute sono rimasti. Tra Marzo eAprile dopo 27 giorni di ricovero di cui 12 in terapia intensiva al Covid-hospital di Jesolo William Crepaldi, 54enne di San Michele al Tagliamento, aveva perso 18 chilogrammi, non riusciva a camminare e faticava a respirare. Ora ha voluto rendere pubblica la sua esperienza attraverso l’Ulss 4 Veneto Orientale perché ancora oggi – ha raccontato – continua respirare con difficoltà, si affatica subito, perde la memoria, è spesso poco lucido, gli mancano automatismi motori nel fare le cose più banali. Crepaldi si racconta come uno sportivo che non aveva mai sofferto un problema di salute e conduceva una vita sana. E proprio per questo ha voluto dire che nessuno è escluso da questo pericolo e invitare tutti a non prendere con leggerezza il virus: “Siate attenti alla vostra salute e a quella degli altri, proteggendovi, vaccinandovi – ha detto – perché ogni singolo contagio può coinvolgere altre persone causando quello che è successo a me o, peggio ancora, la morte. Tutti ci sentiamo invincibili e pensiamo che il virus non ci possa raggiungere ma non è così” (Servizio di Filippo Fois)


videoid(30Q_JEobDd0)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria