28/07/2021 SPINEA – Settimo posto per Federica Pellegrini che lascia il nuoto tra le lacrime. “Sono contenta, ha detto, perché è stata la finale più serena che abbia vissuto”. || Oggi a Spinea, all’ingresso del municipio si legge: è grande la nostra Fede. Eh si, perché anche se questa volta, nella finale a Tokyo, non è salita sul podio, Federica di imprese ne fatte. Tante. Da Atene a Tokyo passando per Pechino, Londra e Rio de Janeiro. È infinito il suo tragitto olimpico, lei, la prima donna nella storia a nuotare in cinque finali dei Giochi: la donna dei record, con sette ori ai Mondiali (uno in vasca corta), 7 Europei e l’oro ottenuto a Pechino nel 2008 a cui aggiungere una sfilza di primati mondiali, considerato che il suo 1.52.98 ottenuto nel 2009 ancora resiste al vertice delle graduatorie internazionali. La sua ultima avventura olimpica si è chiusa con il settimo posto in finale nella gara vinta da Ariarne Titmus, ma tutti cercavano Federica, che si è lasciata andare anche a un pianto liberatorio. «Sono proprio contenta, ha detto, perché è stata la finale più serena che abbia vissuto. Io di solito non entro sorridendo e non esco sorridendo comunque sia andata, continua. Sapevo che a casa c’era la mia famiglia a guardarmi e con loro anche tanti altri, dovevo onorarli. (Servizio di Ilaria Marchiori)


videoid(qxgec40UFe0)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria