23/07/2021 TREVISO – Discoteche sul piede di guerra dopo il decreto legge di ieri che al momento non prevede una riapertura di questi locali. ”Pronti a chiedere i danni al governo” dicono dalla categoria || “Oltre ai risarcimenti sta per partire una richiesta danni da parte dei legali del nostro sindacato che a giorni presenteremo al governo” così Giannino Venerandi del Silb Treviso. Le discoteche pronte a dare battaglie dopo essere rimaste fuori dall’ultimo decreto legge che introduce il green pass per diversi locali al chiuso. Per il momento dunque queste attività rimangono chiuse e all’orizzonte non c’è per ora una data della possibile riapertura. Venerandi ricorda come prima si fosse parlato di una riapertura delle discoteche il primo luglio, data poi spostata al 10 dello stesso mese e sottolinea ancora come il cts avesse recepito il protocollo presentato dal Silb che prevedeva l’accesso alle discoteche con green pass, tampone o dopo guarigione dal covid .Il Silb non esclude nelle prossime settimane qualche manifestazione di piazza con un atto simbolico, la consegna delle chiavi delle proprie attività al premier Draghi e al ministro Speranza – Intervistati GIANNINO VENERANDI (Silb Treviso) (Servizio di Francesca Bozza)


videoid(IkgN-k38g7E)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria