20/07/2021 VENEZIA – Sulla vicenda dell’infermiera no vax, il presidente Zaia: «se ha detto cose gravi va licenziata”. Il governatore nella nostra diretta ha poi parlato dei medici che rischiano la sospensione, degli insegnanti che ancora non si sono vaccinati e ha rilanciato l’appello:” se tornate dall’estero sottoponetevi ai tamponi” || Sarebbe per il licenziamento? “per forza”. Una risposta secca del presidente Zaia, sulla vicenda della dipendente dell’Ulss 2 sospesa dal direttore generale Francesco Benazzi dopo essere stata sorpresa ad aver postato sui social esternazioni contro i vaccini e la pandemia. ‘’ Lo dico in generale, se un dipendente va in giro a dire che la salute si cura con gli infusi di lavanda, la medicina e la farmacologia è tutta una truffa e che i vaccini non servono e magari questo ha la busta paga dell’ospedale, sinceramente io farei qualcosa in più che richiamarlo”.Sulla questione poi dei medici che non si sono vaccinati senza alcuna giustificazione e che stanno ricevendo le lettere con il rischio di sospensione, Zaia spiega: ‘’diciamolo fino in fondo, è un provvedimento zoppo, se ci fossero un sacco di medici in attesa, si può avviare le sostituzioni, ma la verità è che noi oggi non siamo nelle condizioni di allontanare medici”.Rimane aperta la questione degli insegnanti. Giusto l’obbligo della vaccinazione?“Rispetto le idee di tutti, difendo l’idea della volontarietà”E intanto continua la discussione sul green pass. Difficile sarà il modello francese spiega Zaia: “ pensare che qualcuno debba entrare al bar con il green pass mi pare non sia possibile, ma agevolare l’ingresso nelle grandi aggregazioni, nelle discoteche si penso che questo ci possa stare”. – Intervistati LUCA ZAIA (Presidente della Regione ) (Servizio di Daniela Sitzia)


videoid(psvT1lQrfGo)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria