19/07/2021 SEGUSINO – E sempre per violente aggressioni sono finiti nei guai altri due soggetti, il primo denunciato, il secondo arrestato, dai carabinieri. I fatti contestati tra Segusino e Montebelluna. || E’ stato individuato dai carabinieri della Stazione di Valdobbiadene il responsabile del ferimento, lo scorso 3 luglio a Segusino, di un 24enne del posto, ferito al collo con una lama al culmine di una lite nei pressi di un bar. Si tratta di un 58enne di origini marocchine, che quella sera, intorno a mezzanotte, aveva avuto da ridire, per futili motivi, con il ragazzo. Prima gli aveva svuotato contro il bicchiere, poi, alla reazione del giovane, lo aveva colpito con un coltello. A separarli erano stati gli altri avventori, il ragazzo, al pronto soccorso di Montebelluna, aveva rimediato una prognosi di una decina di giorni, mentre il Arrestato in flagranza invece dai carabinieri di Montebelluna, con le accuse di rapina e tentata rapina aggravata, un altro magrebino di 34 anni: ieri mattina alle 6.30, non lontano dalla stazione delle corriere, evidentemente alterato aveva cercato di sottrarre 50 euro a un connazionale di 33 anni, sferrandogli un pugno in faccia. Stessa scena poco dopo, dentro alla stazione, con un 41enne italiano, a cui l’uomo ha addirittura rotto il naso: ne avrà per un mese. Il responsabile delle due aggressioni si trova ora rinchiuso in carcere a Santa Bona. – Intervistati MAGG. GIUSEPPE AGRESTI (Comandante Compagnia Carabinieri Vittorio Veneto) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(sS38tRQWyjs)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria