15/07/2021 TREVISO – Nella Marca solo una farmacia ha iniziato la vaccinazione anticovid. Fra qualche giorno dovrebbero partire anche le altre. Ma per Livio Patelli farmacista di Treviso, è gia tardi “siamo nel piano dell’estate è difficile ora da un punto di vista organizzativo”. || Le farmacie hanno ricevuto le prime dosi di vaccino anti-covid da somministrare. Le richieste da parte della gente non mancano. Ma oggi solo in un struttura è partita, quella di zero Branco. Le altre dovrebbero iniziare a giorni. Ma sono poche le siringhe e tanti problemi organizzativi. “ Sicuramente c’è molto interessa da parte della popolazione – spiega Livio Patelli, farmacista di Treviso e Consigliere Nazionale di Farmacie unite – però ci scontriamo con il periodo estivo e quindi con le fiere della popolazione”.Ogni farmacia dovrebbe riuscire a fare un minimo di vaccinazioni a giornata. “ Il problema continua Patelli, è che il numero minimo per seduta vaccinale è di 10 persone. E ora bisogna trovare e mettere d’accordo tutte queste persone, giorno, ora, e data per la seconda vaccinazione. E questo, ora in piena estate, non è semplice”.Sono una quindicina le farmacie trevigiane che inizieranno progressivamente nei prossimi giorni. Poi il numero delle strutture dovrebbe salire a 25. In farmacia potranno andare solo determinate persone: quelle che nell’anamnesi non hanno nessun problema. Fra i vari farmacisti cambiano anche le modalità di vaccinazione, alcuni hanno scelto di farle in strutture adiacenti, altra modalità drive-in. – Intervistati LIVIO PATELLI (Con. Naz. Farmacie Unite) (Servizio di Daniela Sitzia)


videoid(OJ0jXAmAAc8)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria