10/07/2021 LIDO DI VENEZIA – A circa due settimane dalla presentazione del programma il direttore del festival del cinema, Alberto Barbera fa il punto sul grande lavoro di selezione ormai in dirittura d’arrivo e ci regala un’anticipazione in esclusiva. Il Leone d’oro a Benigni verrà consegnato mercoledì primo settembre al Lido nella cerimonia di apertura. || Il direttore della 78 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Alberto Barbera, ci regala questa preziosa anticipazione. Il Leone d’oro alla carriera della Biennale a Roberto Benigni sarà consegnato, mercoledì primo settembre al Lido durante la cerimonia di apertura del festival. Benigni salirà sul palco della Sala Grande, accanto alla madrina Serena Rossi, a rappresentare, nel segno dell’eccellenza più alta, la ripartenza dell’Italia dopo la pandemia. Per quanto riguarda il lavoro di selezione dei film, invece, siamo alle battute finali.E in laguna torneranno in massa le star americane, anche se il virus preoccupa ancora, ed è vietato, per tutti, abbassare la guardia.Roberto Benigni, nell’accettare la proposta di conferimento del premio ha dichiarato: “Il mio cuore è colmo di gioia e gratitudine. È un onore immenso ricevere un così alto riconoscimento verso il mio lavoro dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia”.A proposito di questo riconoscimento, il direttore Alberto Barbera ha sottolineato che “Sin dai suoi esordi, avvenuti all’insegna di una ventata innovatrice e irrispettosa di regole e tradizioni, Roberto Benigni si è imposto nel panorama dello spettacolo italiano come una figura di riferimento, senza precedenti e senza eguali. Alternando le sue apparizioni su palcoscenici teatrali, set cinematografici e studi televisivi con risultati di volta in volta sorprendenti, si è imposto in tutti in virtù della sua esuberanza e irruenza, della generosità con cui si concede al pubblico e della gioiosità appassionata che costituisce la cifra forse più originale delle sue creazioni. Con ammirevole eclettismo, senza mai rinunciare a essere se stesso, è passato dal vestire i panni dell’attore comico tra i più straordinari della pur ricca galleria di interpreti italiani, a quelli di regista memorabile in grado di realizzare film di enorme impatto popolare, per trasformarsi da ultimo nel più aapprezzato interprete e divulgatore del – Intervistati ALBERTO BARBERA (DIRETTORE MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(rOI8j_I2H-M)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria