19/06/2021 LIDO DI VENEZIA – Sono terminate le operazioni di bonifica del terreno nell’area del vecchio nosocomio al Lido di Venezia chiuso dal 2003. L’annuncio dell’Agenzia per lo Sviluppo. Ora la palla passa in mano a Cassa Depositi e Prestiti che è proprietaria dell’area. || Da anni si parla dei progetti di rilancio per l’area dell’ex ospedale al mare al Lido di Venezia. Due resort, una facoltà universitaria. Intanto la cosa certa è che l’Agenzia per lo Sviluppo è riuscita a completare l’iter per le bonifiche dei terreni. Una partita complessa e non facile.L’annuncio del presidente dell’Agenzia per lo Sviluppo, braccio operativo del Comune di Venezia su questa questione Beniamino Piro, durante il sopralluogo al Lido.Ora è Cassa Depositi e Prestiti a dover fare i prossimi passi.  Sul ricorso pendente al Tar da parte del Comitato Ambientalista altro Lido così come sul potenziamento dei servizi sanitari in isola Piro rassicura. “Tutto quello che doveva fare il Comune è stato fatto – spiega Piro – adesso la palla passa alla Cassa Depositi e prestiti che dovrà perfezionare l’acquisto del Monoblocco dal Demanio e presentare il progetto definitivo che porterà a un investimento di 130 milioni e alla nascita della prima Università del turismo in Italia, oltre ai due grandi resort. In delibera verrà indicato che l’operazione dell’ospedale dovrà prevedere prima la nascita del nuovo ospedale e l’inserimento dei servizi e poi l’abbattimento del vecchio edificio. Questo per evitare che ci sia una sospensione dei servizi L’operazione immobiliare sarà una delle più importanti in Italia e ci auguriamo che il nuovo amministratore dia nuovo impulso per velocizzare i tempi”. D’altro canto, però, il segnale del troppo tempo intercorso tra la vendita del compendio e i lavori (che devono ancora iniziare) si vede tutto: ci sono padiglioni fatiscenti. Il progetto, come è ormai noto, prevede l’insediamento di un resort Club Med di lusso da 350 camere, un quattro stelle della catena TH Resorts da 180 stanze, la prima università del settore alberghiero. Il nuovo punto di primo intervento e gli ambulatori sorgeranno accanto al vecchio ingresso dell’ospedale e saranno conservati sia la chiesetta che il teatro Marinoni. “Il Lido è fermo da 70 anni sul turismo – Intervistati BENIAMINO PIRO (PRESIDENTE AGENZIA PER LO SVILUPPO ) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(h_5n6qNZoPw)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria