11/06/2021 VENEZIA – Domenica arriverà dalla laguna la reliquia più importante, tra quelle custodite fuori Padova, di Antonio. Il Patriarca di Venezia spiega i tanti significati di questo gesto. Un modo anche per dire grazie a medici e personale sanitario impegnato in questi mesi a fronteggiare la pandemia. || Per la prima volta, domenica, dalla Basilica della Salute a Venezia arriverà a Padova, alla Basilica del Santo, la reliquia più insigne di Antonio, tra quelle custodite fuori dalla città patavina che la Serenissima custodisce da secoli, dal 1652. Il Patriarca di Venezia spiega i significati di questo gesto carico di devozione.Un modo anche per dire grazie a medici e personale sanitario impegnato in questi mesi a fronteggiare la pandemia. La Reliquia di parte dell’osso dell’avambraccio sinistro del Santo, dal 1652 custodita nella Basilica della Salute di Venezia, arriverà a Padova in Peregrinatio accompagnata dal Patriarca di Venezia Francesco Moraglia nella mattina della festa del Santo, il 13 giugno, e resterà tutta la settimana in Ostensione sull’Altare Maggiore del Santuario padovano per fare ritorno,via acqua,su alcune motovedette messe a disposizione dai Carabinieri domenica 20 giugno a Venezia dove verrà celebrata una messa solenne alle ore 18.30. Un momento davvero eccezionale che desidera portare per quanto possibile la benedizione del Santo ai suoi devoti e ai fedeli. Lungo le due Peregrinatio, quella del 13 e quella del 20 giugno, appunto scortate dai Carabinieri, vi saranno delle soste significative all’Ospedale all’Angelo di Mestre, all’Ospedale Covid di Dolo e dinanzi ad alcune parrocchie di Mira, Dolo, Stra. Oriago lungo la Riviera del Brenta. Nel pomeriggio di domenica 13 giugno anche la Statua processionale del Santo uscirà per un tragitto di benedizione sostando brevemente in alcuni luoghi significativi della città: la Casa Circondariale, la sede della Camera di Commercio, la sede del Comune e dell’Università. Il tutto senza processione di fedeli per non creare alcun tipo di assembramento.Sarà proprio monsignor Francesco Moraglia, anche presidente della Conferenza episcopale Triveneta. a guidare questo pellegrinaggio, tra acqua della laguna e terra, e poi a presiedere l’Eucaristia alla Basilica del Santo alle 12.30.La lezione del Santo è quant – Intervistati MONSIGNOR FRANCESCO MORAGLIA (PATRIARCA DI VENEZIA) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(-q4Go6aqTos)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria