11/06/2021 BELLUNO – Mattinata intensa a Belluno per il Presidente della Regione Veneto.Dopo la cerimonia presso la stazione ferroviaria per l’arrivo del primo treno elettrificato tappa in ospedale per inaugurare invece una nuova importante apparecchiatura. || Mattinata intensa a Belluno per il Presidente della Regione Veneto.Dopo la cerimonia presso la stazione ferroviaria per l’arrivo del primo treno elettrificato tappa in ospedale per inaugurare invece una nuova importante apparecchiatura.Oltre due milioni di spesa per nuove tecnologie sanitarie.Inaugurato presso il nosocomio di Belluno, alla presenza del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, un tomografo computerizzato di nuova generazione. Si tratta di un’apparecchiatura in grado di acquisire ampi volumi anatomici in un’unica scansione, consentendo di valutare in una singola acquisizione diverse casistiche, e permettendo tra l’altro di escludere la complicanze da Covid-19. Tale tipo di funzione è possibile solo con apparecchiature di ultima generazione con almeno 8 cm di scansione e che non necessitano di terapia farmacologica per ridurre la frequenza cardiaca del paziente che vi viene sottoposto. E poi l’aggiornamento evolutivo di uno dei due acceleratori della Radioterapia mediante l’accoppiamento con tubi radiogeni, in modo di ottenere sia immagini planari 2D analoghe a quelle radiologiche che acquisizioni tridimensionali di elevata definizione, consentendo una maggiore e sensibile precisione della registrazione delle immagini acquisite. Novità che permettono di portare la Radioterapia di Belluno ad uniformarsi con gli elevati standard regionali. – Intervistati MARIA GRAZIA CARRARO (DIRETTORE GENERALE AULSS 1 DOLOMITI) (Servizio di Fabio Fioravanzi)


videoid(HWJF8Pht010)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria