10/06/2021 VENEZIA – Continua la campagna di sensibilizzazione di Venetinet, che ha promosso una raccolta fondi per riportare a Venezia il busto marmoreo del doge Giovanni Corner ricomparso in una casa d’aste di Viterbo. || Essere eredi della Repubblica più longeva della storia e del suo patrimonio culturale, politico e artistico comporta anche delle responsabilità. A più livelli. Compreso quello di evitare la dispersione di questo patrimonio. Per questo quando in una casa d’aste di Viterbo è riapparso il busto marmoreodi Giovanni II Corner, 111º doge della Repubblica di Venezia, a Venetinet si sono subito mobilitati per attivare una raccolta fondi per l’acquisto.Prima di riapparire nel Lazio, dove sarà battuto all’asta il 24 Giugno, il busto del doge si trovava a Ca’ Corner di San Polo. Riportarlo in veneto ha un significato simbolico nel quale a Venetinet ricordano anche il processo di stallo dell’autonomia largamente votata dai veneti nel referendum consultivo del 2017. – Intervistati ROBERTO GRIS (VENETINET) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(Kuc2hBoXhlg)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria