TREVISO – Covid 19 sul lavoro. In Veneto 10 morti e 4.608 denunce. A pagare il prezzo più alto le lavoratrici del settore socio-sanitario. A commentare i dati diffusi dall’Inail la Cisl del Veneto. || 10 morti e 4608 denunce: i dati degli infortuni Covid sul lavoro in Veneto diffusi dall’Inail ed aggiornati al 30 Settembre forniscono una fotografia di quante persone ed in quali settori si siano ammalate di Covid sul posto di lavoro. Il Veneto si piazza al quarto posto tra le regioni italiane per numero di infezioni sul posto di lavoro, preceduta da Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Ed in Veneto, spicca il balzo in avanti del mese di Settembre + 229 denunce, rispetto ad Agosto, incremento determinato in parte dal maxi focolaio nello stabilimento agroalimentare di Vazzola. Il 72% delle denunce è stato presentato da donne lavoratrici, il 79% da lavoratori del sistema socio-sanitario pubblico e privato – Intervistati GIANFRANCO REFOSCO (SEGRETARIO GENERALE CISL VENETO) (A cura di: Marta Marangon)


videoid(2j33TapvPVs)finevideoid-categoria(a3veneto)finecategoria