04/06/2021 BELLUNO – Boom di prenotazioni all’apertura dello slot vaccinale dedicato alla fascia 12-39 anni. Il sistema di prenotazione ha fatto le bizze ma alla fine i problemi sono stati risolti e gli oltre 8 mila posti disponibili sono andati esauriti nel giro di poco tempo || Il desiderio di vaccinarsi per riconquistare la libertà perduta in quest’anno e mezzo di pandemia che ha modificato i nostri comportamenti. Quelli dei più giovani in particolare che più di tutti hanno patito le restrizioni imposte dalle normative anti Covid e che hanno preso d’assalto il portale regionale per la prenotazione del vaccino.Gli ospedali stanno riprendendo l’attività ordinaria e la situazione, pur con le dovute cautele, si osserva con ottimismo.I ricoveri sono ormai limitati e la speranza è di poter ritornare presto alle attività normali in tutte le sedi ospedaliere. Resta da definire il nodo del personale sanitario che ha scelto di non sottoporsi alla profilassi. “La Regione e le Ulss non possono fare niente di diverso rispetto a quanto stabilito dall’articolo 44 e faranno rispettare la norma” ribadisce l’assessora regionale alla sanità, Manuela Lanzarin. Per i recalcitranti, insomma, la prospettiva è la sospensione dal lavoro o lo spostamento ad altre mansioni non a contatto con il pubblico. – Intervistati MARIA GRAZIA CARRARO (DIRETTRICE GENERALE ULSS 1 DOLOMITI) (Servizio di Tiziana Bolognani)


videoid(pB_i_POquK4)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria