29/05/2021 MONTEBELLUNA – Di una svolta storica per la mobilità del territorio parlano i sindaci dei comuni che insistono sul tracciato, ma restano due fronti aperti: i pedaggi, soprattutto per i residenti, e le opere di collegamento. || Inaugurata la Pedemontana, chiaro che gli amministratori locali siano ora concentrati sulle opere necessarie per raggiungerla nei rispettivi territori e senza disagi sulla viabilità ordinaria.La lista di interventi – fanno intendere – è ancora lunga.Un fronte che riguarda anche quelle realtà che presto saranno raggiunte dall’ultimo stralcio, come Spresiano e dintorni.L’altro tema riguarda i pedaggi ed eventuali tariffe agevolate per i residenti, come sottolinea il sindaco di Riese Matteo Guidolin.Sindaco di Montebelluna negli anni della realizzazione dell’opera e ora in Consiglio regionale, Marzio Favero lancia la sua proposta: un tavolo di concertazione fra gli enti locali, Provincia e Regione.Risorse importanti – aggiunge – potrebbero arrivare dallo stesso Recovery Plan, a patto che i territori vengano coinvolti. Anche l’autonomia, insomma, viaggia sulla Pedemontana. – Intervistati CRISTINA ANDRETTA (Sindaco di Vedelago), MARCO DELLA PIETRA (Sindaco di Spresiano), MATTEO GUIDOLIN (Sindaco di Riese Pio X), MARZIO FAVERO (Consigliere regionale Lega ) (Servizio di Cristian Arboit)


videoid(nPO-9fS7Cfw)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria