15/05/2021 CASTELFRANCO VENETO – Ieri la violenta grandinata a Castelfranco, ricoperta da una coltre bianca. Pur sommersi dalle richieste di intervento, due agenti della Polizia locale non hanno esitato a interrompere il servizio per riaccompagnare a casa una studentessa, presa alla sprovvista e spaventata. || Mario Sorrentino e il collega Leo Lione sono due agenti della Polizia locale di Castelfranco. Ieri pomeriggio in via Re di Puglia, mentre sulla città si scatenava l’eccezionale grandinata, con allagamenti e viabilità in tilt, hanno avuto la sensibilità di intuire il bisogno di aiuto di una ragazza, una giovanissima studentessa, presa alla sprovvista dal fortunale. E non hanno esitato a interrompere gli interventi che stavano eseguendo, per riaccompagnarla a casa. Non è consuetudine fare salire dei civili nei mezzi di servizio, ma si trattava di un’emergenza. La mamma della ragazza, via social, ha ringraziato di cuore i due agenti. In città, oggi, non rimangono che tappeti di foglie a terra e piante danneggiate a testimoniare la violenta grandinata. Già nella serata di ieri, spiega il sindaco Stefano Marcon, l’emergenza era rientrata. Ma danni ce ne sono comunque stati, sia all’agricoltura che ad alcuni immobili, e ora verranno quantficati. Anche Castelfranco intende infatti accodarsi alla richiesta di risarcimento, come gli altri comuni interessati dalla richiesta di stato di crisi della Regione. – Intervistati MARIO SORRENTINO (Agente Polizia locale Castelfranco), LEO LIONE (Agente Polizia locale Castelfranco), STEFANO MARCON (Sindaco di Castelfranco) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(OTTJZxHyEBA)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria