08/05/2021 JESOLO – Il turismo balneare, tra i settori più forti dell’economia veneta, è al lavoro per applicare la nuova ordinanza regionale che stabilisce le linee guida per vacanze all’insegna della sicurezza sanitaria. || Nelle spiagge venete tra un ombrellone e l’altro ci dovràessere un’area minima di12 metri quadrati, due in più rispetto alle Linee Guida nazionali. Lo stabilisce la nuova ordinanza firmata dal presidente Luca Zaia, che applica quanto approvato dalla Conferenza delle Regioni.A Jesolo, dove come nel resto del litorale si lavora per farsi trovare pronti alla riapertura degli stabilimenti balneari, le basi degli ombrelloni sono già posizionate o pronte per esserlo.In zone con specifici ‘problemi erosivi’ la distanzatra un paletto e l’altro potrà essere derogata dai sindaci fino a 10 metri quadrati e mezzo .Jesolo nel fine settimana ha attirato diverse persone, ma la vera attività comincerà probabilmente tra il 15 e il 20 di maggio: le spiagge sono una delle voci maggiori del turismo veneto, a sua volta uno dei comparti principe dell’economia regionale. – Intervistati ALESSANDRO BERTON (PRESIDENTE UNIONMARE VENETO) (Servizio di Filippo Fois)


videoid(N1CLsV5C_ig)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria