26/04/2021 LIDO DI VENEZIA – Nomadland, film vincitore alla Mostra del cinema di Venezia, nella notte ha conquistato a Los Angeles ben tre Oscar, tra le quali quello più ambito per il miglior film || La notte degli Oscar suggella il trionfo della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. “Nomadland” il film che ha conquistato il Leone d’oro lo scorso settembre, dopo aver fatto incetta dei maggiori premi internazionali è stato incoronato anche con il riconoscimento più ambito dal cinema mondiale gli Oscar. Il commento a caldo del direttore della Mostra, Alberto Barbera.Importante il messaggio del film.       Il riconoscimento però ribadisce soprattutto la centralità del festival di Venezia nel panorama del cinema mondiale e di un rinnovato vigore dato dal direttore Barbera e della Biennale tutta.La Biennale di Venezia si congratula con Chloé Zhao, Frances McDormand e la produzione di Nomadland – film Leone d’oro alla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2020 – per la conquista alla Cerimonia degli Oscar di tre statuette: miglior film, miglior regista (Chloé Zhao) e miglior film attrice protagonista (Frances McDormand). Il”Mi congratulo con Chloe Zhao e Francis McDormand per i tre Oscar – ha detto Barbera –  che premiano l’audacia artistica e la sensibilità umana e sociale con cui hanno dato voce ai dimenticati da un’idea di progresso, che ignora i valori più autentici della solidarietà e della condivisione. È un onore e un vanto per la Mostra del Cinema di Venezia aver contribuito a far conoscere quest’opera prodigiosa al mondo intero”. È la seconda volta in quattro anni, dopo La forma dell’acqua – The Shape of Water (2017) di Guillermo del Toro, che il film vincitore del Leone d’oro riceve l’Oscar per il miglior film. Nella storia della Mostra di Venezia, questa doppia vittoria era avvenuta in precedenza per Amleto (1948) di Laurence Olivier. Negli ultimi anni, l’Oscar al miglior film è andato ad altri film presentati in prima mondiale alla Mostra di Venezia: Birdman (2014) di Alejandro G. Iñarritu e Il caso Spotlight (2015) di Tom McCarthy. Sempre negli ultimi anni, l’Oscar alla miglior regia è andato, tra gli altri, a G – Intervistati ALBERTO BARBERA (DIRETTORE MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA VE) (Servizio di Lorenzo Mayer)


videoid(GRb8M8H5DjE)finevideoid-categoria(a3venezia)finecategoria