25/04/2021 CROCETTA DEL MONTELLO – Cassa di espansione del Piave a Ciano del Montello, via al bando per la progettazione dell’opera. Il sindaco di Crocetta Tormena si dice delusa dal comportamento della Regione, ribadendo l’assoluta contrarietà all’intervento. Immediata la replica dell’assessore alla Protezione civile Bottacin. || Cassa di espansione del Piave a Ciano del Montello, la sindaca di Crocetta Tormena si dice delusa dal mancato confronto con il governatore Zaia, che, spiega, ha delegato la questione agli assessori Bottacin e Caner. E questo mentre il 14 aprile è stato dato avvio al bando di gara per la progettazione dell’intervento. «Andava fatto un ragionamento complessivo sull’asta del Piave – afferma Tormena – e non far ricadere solo su Ciano il peso di un intervento devastante, che si porterà via un terzo del paese». Lamenta lo scarso dialogo, la mancata condivisione con la Regione, Tormena, una preoccupazione che, dice, hanno anche almeno altri 8 comuni del comprensorio montelliano. Di altro avviso l’assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin: «L’opera è finanziata dallo Stato, che da quasi cinque anni chiede alla Regione, come soggetto attuatore, di partire con l’iter. Le occasioni di scambio ci sono state, da Crocetta non ci sono mai arrivate controproposte, non ci si può accusare di andare con fretta. Ma ora alternative non ce ne sono: lo Stato ci chiede di procedere espressamente con la cassa di espansione di Ciano, per la quale la progettazione è al momento un foglio bianco”. In cui gli enti locali avranno voce in capitolo, ribadisce Bottacin, ricordando che, a fronte delle preoccupazioni di Crocetta, ci sono quelle dei comuni rivieraschi che invitano a fare presto per mettere in sicurezza il territori del Piave dalle piene ormai sempre più frequenti. – Intervistati MARIANELLA TORMENA (Sindaco di Crocetta del Montello), GIANPAOLO BOTTACIN (Assessore Protezione civile Veneto) (Servizio di Lina Paronetto)


videoid(5LxAPRcUcB8)finevideoid-categoria(a3treviso)finecategoria